Francisco Bosoletti

Bosoletti

Conosciuto in Campania per opere murarie come Iside ai Quartieri Spagnoli di Napoli, Genesi (premiata dalla rivista internazionale Widewalls) a Bonito (AV), e per Alma Memoria a Somma Vesuviana, commissionata da Tramandars.


Nato nel 1988 e cresciuto ad Armstrong, paese della provincia di Santa Fe in Argentina, l’artista ha lavorato in tutto il mondo. Grafico e illustratore di formazione, il suo stile figurativo e classicista non è mai fine a se stesso, ma a servizio del sociale e della critica al capitalismo.

Genesi – Bonito (AV), 2018

LO STILE

Il suo marchio è il tulipano. Simbolo ricorrente in molte opere, è collegato alla “prima” speculazione economica tra continenti, che vide i bulbi di questo fiore protagonisti di un aumento di prezzo durante il ‘600 e di una conseguente crisi in Olanda, paese produttore.

I soggetti di Bosoletti hanno significati legati alla natura e all’umanità che abita i luoghi su cui interviene. I suoi dipinti murari non stravolgono le facciate degli edifici ma vi si integrano: le figure umane ritratte sono quasi nascoste, difficili da decifrare. I murales dipinti con la tecnica al negativo, infatti, rivelano ulteriori dettagli solo se guardati attraverso un filtro ultravioletto. Questo tipo di fruizione provoca nello spettatore una voglia andare oltre la prima/parziale visione e suscita lo stimolo all’approfondimento, risvegliando i sensi ottici e la sensibilità interpretativa.

Il fascino del murale segreto al rione Sanità: c’è ma non si vede. Il volto di una donna del quartiere segnata dagli anni, con gli occhi azzurro intenso e lo sguardo che non ti lascia scampo, è la “speranza nascosta” del rione scavato tra Capodimonte e via Foria.
-Repubblica

LE OPERE